L'EEG per la diagnosi di epilessia
L'EEG per la diagnosi di epilessia

Cos’è l’epilessia? Perché viene chiamata il “Grande Male” o il “Piccolo Male”? Cosa avviene esattamente nel cervello? Esiste una cura? Si può condurre una vita normale con questa patologia? Scopriamolo attraverso questo viaggio nei secoli.

Le epilessie sono sindromi caratterizzate dalla comparsa di manifestazioni critiche a carattere convulsivo oppure altre manifestazioni a carattere motorio, sensitivo, psichico o neurovegetativo. Alla base della crisi epilettica c’è un’evidenza di un’ipersincronia parossistica delle onde cerebrali, ciò significa che al momento della crisi si verifica un’ipereccitabilità patologica di alcuni gruppi di neuroni (tutto documentabile all’EEG). Esistono due forme di epilessia: il cosiddetto “grande male” ed il cosiddetto “piccolo male”, analizziamoli uno alla volta.

Il Grande Male è caratterizzato da crisi che iniziano con perdita di coscienza accompagnata dalla caduta a terra del soggetto con un ipertonia muscolare generalizzata, questa è la fase tonica, che dura circa una ventina di secondi. A questa fase segue quella delle contrazioni tonico-cloniche di arti e testa (quelle che comunemente vengono dette convulsioni) per circa un minuto per poi esaurirsi spontaneamente. Durante la crisi può essere che il soggetto si morda la lingua, che perda il controllo degli sfinteri e il riflesso pupillare. Al risveglio il soggetto non conserverà alcun ricordo della crisi, dovuta in questo particolare caso a scariche centroencefalica con frequenza molto variabile.

Il Piccolo Male, invece, consiste in un breve periodo di perdita di coscienza (dai 5 ai 20 secondi) che si ripete frequentemente nel corso della giornata. Si manifesta con le cosiddette “assenze”, il soggetto durante la crisi interromperà qualsiasi attività rimanendo fermo e con lo sguardo fisso nel vuoto per poi riprendere l’attività che stava svolgendo senza conservare alcun ricordo della crisi.

Ancora esiste l’epilessia focale o parziale caratterizzata da crisi dovute a foci epilettogeni a sede corticale le cui manifestazioni dipendono dalle funzioni della corteccia in cui hanno sede i neuroni responsabili.

Ad oggi esistono molti farmaci i cui principi attivi riescono a controllare i sintomi dell’epilessia. Qualora i farmaci non risultassero del tutto benefici per la salute del paziente, lo specialista potrebbe proporre un trattamento chirurgico o altre cure alternative. Il problema più complesso sembra essere la scelta del farmaco più adatto per il paziente, sia in termini di tipologia, che di dosaggio; I principali farmaci utilizzati sono: Fenitoina, Sodio Valproato, Topiramato, Clobazam, Clonazepam, Lacosamide ed altri. Ciononostante il 25-30% dei pazienti risulta resistente al trattamento farmacologico, questo impone un’alternativa, cioè il trattamento chirurgico della malattia. Esistono la chirurgia restrittiva e la chirurgia palliativa: la prima è rivolta ai pazienti che soffrono di epilessia focale e consiste nell’asportazione della parte del cervello che genera le crisi epilettiche, e pertanto la sua asportazione porta al controllo delle crisi. Tale area, per poter essere asportata deve essere unica e la sua asportazione non deve portare a nessun deficit neurologico post-operatorio. La chirurgia palliativa invece si rivolge ai pazienti che non possono essere candidati all’intervento resettivo, ed ha lo scopo di ridurre la frequenza e la gravità delle crisi. Esistono varie tecniche, la più utilizzata è la stimolazione del nervo vago.

Ed ora veniamo alla storia, chi ne ha sofferto? Esistono documenti che provano la malattia di:

  • Giulio Cesare: Negli scritti di Svetonio e Plutarco si parla del generale in preda a malori durante i comizi, sembra trattarsi di un’epilessia acquisita in tarda età. Ma come mai avava cominciato a soffrirne? Tra le ipotesi più accreditate nel passato ci sono state quelle di infezioni croniche come la neurosifilide, data l’elevata promiscuità sessuale del generale romano, la tubercolosi cerebrale, il tifo, la malaria, dal momento che il generale era un frequente viaggiatore in zone geografiche ad alto rischio. Ma c’è chi ha ipotizzato, data l’età di insorgenza, anche un tumore benigno come un meningioma o un glioma. Comunque sia, le manifestazioni epilettiche non si accompagnavano ad un deterioramento delle funzioni cognitive del Generale che ha potuto svolgere adeguatamente le sue funzioni di senatore fino al momento dell’assassinio nel 44 a.C.
  • Fëdor Dostoevskij: Nei suoi scritti si legge “Voi non potete capire la gioia che prova un epilettico un secondo prima di una crisi”. Definiva gli attacchi “il tocco di Dio”, il punto più alto della sua ispirazione artistica. Leggiamo nei suoi libri che moltissimi dei suoi personaggi soffrono di sintomi simil-epilettici, ma qual è stato il decorso di questa sua malattia? La prima ipotesi è che Dostoevskij ebbe il primo attacco di convulsioni intorno ai diciott’anni, appena saputo della morte del padre, in seguito alle prime nozze con Marija Dimitrevna, Dostoevskij venne colpito da un fortissimo attacco che lo lasciò immobilizzato a letto per qualche giorno. Non si tentò mai alcuna cura e questo non era insolito per un’epoca che ancora tendeva a marchiare l’epilessia come un male dell’anima. Resta la tragica morte del figlio Aleksej di tre anni, avvenuta quando Dostoevskij ne aveva cinquantasei, dovuta a un attacco epilettico forse sintomatico di qualche infezione cerebrale. Gli ultimi studi, tendono a diagnosticare un’epilessia del lobo temporale mediale sinistro, probabilmente esordita intorno al 1846.
  • Vincent Van Gogh: Dai documenti si evince che la malattia di Van Gogh si slatentizzò lentamente nel corso della sua vita. Si pensa che un giorno, dopo una crisi di furore in cui aveva gettato un bicchiere di assenzio verso la testa di Gauguin, accaddero una serie di strani eventi. Van Gogh si avvicinò a Gauguin con un rasoio, fu respinto da lui, si allontanò e si mozzò un pezzo dell’orecchio sinistro del quale fece un regalo alla sua prostituta preferita. Lo trovarono incosciente in casa e lo ricoverarono in ospedale. In ospedale scivolò in un acuto stato psicotico di agitazione, delirio e allucinazioni per cui dovette essere isolato per tre giorni. Non conservò alcun ricordo della sua aggressione a Gauguin, né della sua automutilazione nè dei primi giorni di ricovero in ospedale. Félix Rey, il giovane medico curante di van Gogh, diagnosticò una epilessia e gli somministrò del bromuro di potassio. Van Gogh recuperò in qualche giorno. Il suo male fu accompagnato tutta la vita da sintomi psicotici e depressivi che lo portarono alla fine al suicidio.

Ed ancora tanti altri come Alessandro Magno, Aristotele, Charles Dickens, Ludwig van Beethoven, Isaac Newton, Pietro Il Grande, e si potrebbe continuare con una lunga lista.

Ora nel XXI secolo non corriamo più il rischio di cadere nelle credenze di un tempo e considerare l’epilessia come un intervento del diavolo, la manifestazione di un’anima perduta, la mente oscurata dal male. I nomi di queste persone fanno luce su un cammino ben definito, quello di una vita normale, se non addirittura sopra le righe, condotta in concomitanza con una patologia simile.

Fonte | Immagine in evidenza: abcsalute.it

Vicepresidente | Nata a Napoli il 25 Giugno 1992. Ho frequentato l'università degli studi della Campania "Luigi Vanvitelli" laureandomi in Medicina e Chirurgia nel 2017. Attualmente sono una specializzanda in Ostetricia e Ginecologia presso l'Università degli studi di Torino. Mi occupo di coordinare la Redazione de "La Medicina In Uno Scatto", di cui sono anche Vicepresidente.

34 COMMENTI

  1. Aw, this was an extremely good post. Taking a few minutes and actual effort to
    create a top notch article… but what can I say… I hesitate a whole
    lot and never manage to get anything done.

  2. Hey would you mind sharing which blog platform
    you’re using? I’m looking to start my own blog soon but I’m having a
    difficult time selecting between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.
    The reason I ask is because your design seems different then most blogs and I’m looking for something completely unique.
    P.S Sorry for getting off-topic but I had to ask!

  3. I was extremely pleased to find this site.
    I wanted to thank you for your time for this particularly fantastic read!!

    I definitely really liked every bit of it and i
    also have you book marked to look at new information in your site.

  4. Hello I am so delighted I found your blog, I really found you by accident,
    while I was looking on Digg for something else, Regardless I am here now and would just like to say cheers for a marvelous post and a all round thrilling blog (I also love
    the theme/design), I don’t have time to read it all at the minute but I have saved
    it and also added your RSS feeds, so when I have time I will be back to
    read more, Please do keep up the awesome work.

  5. Greetings from Colorado! I’m bored at work so I decided to browse your site on my iphone during lunch break.
    I love the info you present here and can’t wait to take a
    look when I get home. I’m surprised at how fast your
    blog loaded on my cell phone .. I’m not even using WIFI, just 3G ..

    Anyways, superb site!

  6. Oh my goodness! Incredible article dude! Many thanks, However
    I am going through problems with your RSS.

    I don’t know why I am unable to subscribe to it. Is there anybody having identical RSS problems?
    Anyone who knows the answer will you kindly respond? Thanks!!

  7. May I simply say what a comfort to uncover someone that truly knows what they are talking about on the net.
    You definitely understand how to bring an issue to light and make
    it important. A lot more people must look at this and understand
    this side of the story. It’s surprising you aren’t more popular because you most certainly
    have the gift.

  8. Hiya! I know this is kinda off topic however I’d figured I’d
    ask. Would you be interested in exchanging links or maybe guest writing a blog post or vice-versa?
    My website discusses a lot of the same topics as yours
    and I believe we could greatly benefit from each other.
    If you are interested feel free to send me an email.
    I look forward to hearing from you! Terrific blog by
    the way!

  9. Attractive element of content. I simply stumbled upon your blog
    and in accession capital to assert that I get actually enjoyed account your blog
    posts. Anyway I’ll be subscribing for your augment or even I success you get admission to persistently fast.

  10. Hello, I do think your website may be having browser compatibility problems.
    When I look at your blog in Safari, it looks fine however,
    if opening in Internet Explorer, it has some overlapping issues.
    I just wanted to provide you with a quick heads up!
    Apart from that, wonderful site!

  11. Its like you read my mind! You appear to know a lot about this, like
    you wrote the book in it or something. I think
    that you can do with some pics to drive the message home a little bit, but instead of
    that, this is fantastic blog. An excellent read. I will definitely be back.

  12. Exceptional post however , I was wondering if you could write a litte more on this subject?
    I’d be very grateful if you could elaborate a little bit further.
    Thank you!

  13. I have been surfing online more than three hours today, yet I never found
    any interesting article like yours. It’s pretty worth enough for me.

    In my opinion, if all site owners and bloggers made
    good content as you did, the net will be much more useful than ever before.

  14. Hello there! This article couldn’t be written any better!
    Reading through this post reminds me of
    my previous roommate! He continually kept talking about this.
    I’ll send this article to him. Pretty sure he’ll have a great read.
    Thanks for sharing!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here