HIV, AIDS, virus, storia, pubblicità

Inizi anni 80 – CDC costretto a scontrarsi contro la “peste del 2000”: il virus HIV. Oggi, nuovi approcci terapeutici si prospettano a 40 milioni di sieropositivi.

Il virus dell’HIV comparve nella storia umana in maniera subdola e, probabilmente, all’inizio venne largamente sottovalutato dagli organi scientifici che si resero conto, soltanto più tardi, dell’alta contagiosità e delle manifestazioni a lungo termine che si verificavano nei pazienti infetti.

Quando il 5 giugno del 1981 il CDC di Atlanta segnalò al mondo intero la co-presenza di linfadenopatia e infezione polmonare da Pneumocystis carinii (ndr. un patogeno opportunista che causa patologia molto raramente nell’uomo) in alcuni membri della comunità omosessuale; all’epoca gli organi di stampa furono i primi a “trovare” un nome per questa nuova patologia: la chiamarono GRID, ovvero Gay-Related Immune Deficiency.

Allo stesso tempo il CDC iniziava a notare delle correlazioni tra lo sviluppo della patologia e alcune caratteristiche sociali degli individui affetti: si trattava di soggetti di origine haitiana, facenti uso di sostanze stupefacenti per via iniettiva (ad es. eroina) e, talvolta erano anche emofiliaci e quindi necessitavano di trasfusioni periodiche; per questo motivo, nei primissimi mesi, la sindrome prese il nome di “malattia 4H” ovvero: Haitian, Hemophiliac, Heroin addiction, Homosexual.

Da allora il virus dell’HIV è stato prima identificato, poi si sono evidenziati nuovi sierotipi, quindi è stato mappato il loro genoma e, negli ultimi anni, sono stati sviluppati decine di farmaci per il suo trattamento.
Attualmente la nostra conoscenza, riguardo l’HIV e l’AIDS, è radicalmente cambiata rispetto a trent’anni fa, tanto che, basandoci sui meccanismi molecolare di ingresso, integrazione genomica e replicazione virale, siamo riusciti a produrre farmaci relativamente efficaci che però devono essere somministrati in associazione tra loro (HAART) per rallentare lo sviluppo di fenomeni di resistenza da parte del virus che, per sua stessa natura, ha un’elevata predisposizione a mutare i bersagli farmacologici verso i quali sono rivolte le nostre terapie.

Dott. Dr Sam Milliken
Dott. Sam Milliken

Nonostante tutti gli sforzi fatti fino ad ora, l’HIV resta un virus “letale” che non è possibile curare ma che si può “tenere a bada” somministrando un cocktail di farmaci che, nella quasi totalità dei pazienti, ha effetti indesiderati rilevanti ma, allo stesso tempo, permette loro una vita nei limiti della normalità, abbassando la carica virale (ndr. il numero di virus nel sangue) senza poter però eradicare completamente l’infezione e rendendoli delle “reservoir virali” potenzialmente in grado di diffondere ulteriormente l’infezione.

A luglio di quest’anno, sia sul web che sui giornali, è apparsa la notizia di una nuova possibile cura all’infezione da HIV: due pazienti australiani affetti da linfoma di Hodgkin, dopo aver subito un trapianto di midollo al fine di “rimpiazzare” le loro cellule colpite dalla neoplasia, a tre anni dall’intervento hanno visto l’azzeramento completo della carica virale all’interno del loro sangue (nonostante fossero ancora sotto regime antiretrovirale per precauzione); in altre parole è come se le nuove cellule immunitarie trapiantate avessero eliminato completamente il virus dal loro organismo rendendoli nuovamente non infetti.

Quale “miracolo” medico è alla base di queste guarigioni?

In realtà per gli addetti ai lavori questo non è un fenomeno del tutto paranormale, anzi attualmente sappiamo che circa l’1% della popolazione mondiale è naturalmente immune all’HIV in quanto i loro linfociti T, che rappresentano le cellule bersaglio del virus, hanno una proteina di membrana (ndr. chiamata CD4) modificata, rispetto al resto della popolazione, che non permette l’aggancio del virus alla cellula dell’ospite, impedendone così l’ingresso e quindi la fase di replicazione.

Sembra che, almeno uno dei due uomini che si sono sottoposti al trapianto, abbia ricevuto il nuovo midollo proprio da una soggetto HIV-immune, beneficiando anche lui di questa resistenza genetica che gli ha permesso di eliminare completamente il virus dal suo corpo; il secondo soggetto ha invece ricevuto cellule non intrinsecamente immuni al virus ma, anche nel suo caso il tasso virale, nel suo sangue è perfettamente uguale a quello di una persona non infetta. Quest’ultimo caso incuriosisce particolarmente gli studiosi, in quanto è probabile che nel secondo midollo trapiantato ci siano altri geni, non ancora identificati, che codifichino per meccanismi di “protezione” dall’infezione virale.

"Pieta" - campagna fotografica realizzata da Benetton nel 1991
“Pieta” – campagna fotografica realizzata da Benetton nel 1991

Purtroppo non è tutto oro ciò che luccica: Sam Milliken, il direttore dell’Unità di ematologia e di trapianti di midollo del St Vincent’s, ha riferito che nonostante il sorprendente risultato conseguito

“I trapianti di midollo non possono rappresentare una cura generale per i quasi 40 milioni di sieropositivi in tutto il mondo […] Si tratta infatti di una procedura complicata e costosa, che può portare alla morte di più del 10% dei casi” – Dott. Sam Milliken.

Le sue parole ci fanno capire come la ricerca in questo senso è sì importante per scoprire nuovi geni la cui espressione potrà aiutarci a trattare i pazienti affetti da questa patologia, ma non è l’unica via che bisogna intraprendere, in quanto attualmente si predilige la ricerca di nuovi farmaci che siano diretti verso i bersagli molecolari del virus.

Chissà se un giorno (neanche troppo lontano) potremmo curare un paziente HIV positivo con una terapia adeguata proprio come è successo, dopo la scoperta degli antibiotici, con la peste.

Amministratore | Frequento la Scuola di Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico". Sono interno in Chirurgia Generale, laparoscopica e mini-invasiva. Mi occupo di coordinare la redazione scientifica e dell'organizzazione di corsi ed eventi targati "La medicina in uno scatto".

41 COMMENTI

  1. I’ll right away grab your rss feed as I can not in finding your e-mail subscription link or newsletter service.
    Do you have any? Kindly permit me recognise so that
    I may just subscribe. Thanks.

  2. Attractive section of content. I just stumbled upon your
    web site and in accession capital to assert that I acquire actually
    enjoyed account your blog posts. Anyway I’ll be subscribing to
    your feeds and even I achievement you access consistently quickly.

  3. I’m really enjoying the design and layout of your website.
    It’s a very easy on the eyes which makes it much more pleasant for me to come here and visit
    more often. Did you hire out a designer to create your theme?
    Fantastic work!

  4. Hey very cool site!! Man .. Beautiful .. Amazing .. I will bookmark your
    blog and take the feeds additionally? I’m glad to find a
    lot of helpful information right here within the submit, we’d like work out
    more techniques in this regard, thanks for sharing. .
    . . . .

  5. Hi there, i read your blog from time to time
    and i own a similar one and i was just wondering if you get a lot of spam comments?

    If so how do you reduce it, any plugin or anything you can recommend?

    I get so much lately it’s driving me mad so any assistance is
    very much appreciated.

  6. You really make it seem so easy with your presentation but I find this topic to be really something that I think I would never
    understand. It seems too complicated and very broad
    for me. I am looking forward for your next post, I’ll try to get the hang of it!

  7. I think this is one of the most vital information for
    me. And i am glad reading your article. But want to remark on few general things, The website
    style is great, the articles is really nice : D.
    Good job, cheers

  8. Great beat ! I wish to apprentice while you amend your
    website, how could i subscribe for a blog website? The account aided me a acceptable deal.
    I had been tiny bit acquainted of this your broadcast offered bright
    clear idea

  9. I just like the helpful info you provide for your
    articles. I’ll bookmark your weblog and test again here regularly.
    I’m somewhat sure I’ll be informed a lot of new stuff proper right here!
    Good luck for the next!

  10. Hey there! This is my first visit to your blog! We are a group of volunteers and starting a new project
    in a community in the same niche. Your blog provided us valuable information to work
    on. You have done a extraordinary job!

  11. Hello There. I found your blog using msn. That is a really neatly
    written article. I’ll be sure to bookmark it and come back to read extra
    of your helpful info. Thank you for the post. I will definitely return.

  12. Hello! Quick question that’s entirely off topic.
    Do you know how to make your site mobile friendly?
    My blog looks weird when viewing from my iphone. I’m trying to find a
    template or plugin that might be able to fix this issue.
    If you have any recommendations, please share.
    Cheers!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here