CASO

Anamnesi | Eruzione occorsa da qualche mese su tronco ed arti (generalizzata) in donna di 23 anni con anamnesi patologica remota e prossima muta. Anamnesi farmacologica segnala uso di amoxicillina per un’infezione pregressa risalente a diverse settimane prima l’eruzione delle lesioni. Lesioni persistenti ed asintomatiche, alla digitopressione non presentano significative variazioni. Visibili squame cheratosiche su molte di esse


SOLUZIONE

Diagnosi | Pitiriasi lichenoide cronica

Descrizione semiotica delle lesioni: papule lichenoidi cronico desquamanti

La Pitiriasi lichenoide cronica è una patologica ad eziologica sconosciuta che è probabilmente causata da un’iperreattività secondaria forse post-infettiva. Si presenta più frequentemente in soggetti giovani in genere in modo del tutto asintomatico e si distingue molto a livello clinico dalla sua variante acuta cioè la pitiriasi lichenoide acuta anche detta PLEVA o malattia di Mucha-Habermann che si caratterizza di lesioni lichenoidi ulcero necrotiche spesso accompagnate da febbre. Nella forme acute la PLEVA può essere mis diagnosticata con una varicella o un’eritema multiforme. La pitiriasi lichenoide cronica è anche detta parapsoriasi guttata per l’aspetto assai simile ad una psoriasi guttata. Solitamente se la clinica non basta la diagnosi di conferma è istologica.

Il trattamento è in genere ex juvantibus ma ottimi risultati negli adulti sono stati ottenuti tramite PUVA

CONDIVIDI
Articolo precedenteCaso Clinico #2
Articolo successivoCondividere il proprio cuore come cura dei difetti cardiaci
Redazione | Nato a Torre del greco il 27/03/1992 5°anno facoltà di medicina e chirurgia Federico II Napoli Appassionato di molte discipline diverse la medicina rappresenta sicuramente la più importante. Non disdegno alcun settore ma le branche che più mi interessano sono quelle della diagnostica clinica, della dermatologia, della ricerca oncologica, della farmacologia, della pediatria e della medicina interna. La mia idea di medico è quella di un lavoro di gruppo che possa essere parte di un team multidisciplinare ben strutturato che garantisca ai pazienti un iter di cura completo ed efficace. Spero un giorno di poter fare esperienze anche in zone di guerra specialmente in medio oriente magari con MSF o Emergency