CASO

Anamnesi | Ragazzo di 22 anni si presenta dal dermatologo dopo anni di vicissitudini a trattare questa antiestetica lesione sul dorso. La lesione si presenta asimmetrica ed asintomatica ed è presente dalla nascita. Da alcune settimane nota però un’infiammazione a carico di questa lesione che gli conferisce non poche noie, incluso un certo sanguinamento. Chiede una diagnosi corretta e la risoluzione del problema


SOLUZIONE

Diagnosi | Linfangioma o meglio malformazione linfatica microcistica (LM microcistica)

Descrizione semeiotica delle lesioni: vescicolari a grappolo con contenuto misto siero ematico

Il linfangioma o meglio le malformazioni linfatiche sono delle malformazioni a carico dei vasi linfatici che possono essere fondamentalmente di due tipi cioè microcistiche o macrocistiche. Esse non sono formazioni neoplastiche ma amartomatose (cioè isole cellulari disorganizzate ed aberranti nella sola architettura, non nella composizione) ma nonostante ciò gli si riserva il termina tipico per le neoplasie benigne (regola –oma della nomenclatura delle neoplasie benigne). Le lesioni sono quasi sempre congenite ad insorgenza infantile e a coinvolgimento muco cutaneo. Le forme macrocistiche sono anche dette ‘igroma cistico’ e sono malformazioni tumorali a coinvolgimento sottocutaneo, speso deformanti se coinvolgono il volto o gli arti. Le forme microcistiche al contrario sono date da formazioni amartomatose dei capillari linfatici nell’epidermide superficiale che possono riempirsi di siero e qualche emazia da cui il colorito tipico giallo paglierino arancio tendente al bruno. Sono malformazioni tumorali benigne, non evolutive, con possibili sovrainfezioni. Il trattamento di elezioni è quello d’escissione chirurgica ma non sempre è possibile specie se il linfangioma colpisce i visceri. Nel nostro caso il paziente presenta un linfangioma microcistico sovrainfetto. Il dermatologo imposterà terapia antibiotica e pianificherà un intervento escissionale. Dopo 5 giorni di antibiotico topico e dopo l’escissione il linfangioma è sparito ed il problema risolto

CONDIVIDI
Articolo precedenteKrokodil, "the walking drug": la droga che ti trasforma in uno zombie
Articolo successivoThe normal heart: per vincere una guerra, devi iniziarla.
Redazione | Nato a Torre del greco il 27/03/1992 5°anno facoltà di medicina e chirurgia Federico II Napoli Appassionato di molte discipline diverse la medicina rappresenta sicuramente la più importante. Non disdegno alcun settore ma le branche che più mi interessano sono quelle della diagnostica clinica, della dermatologia, della ricerca oncologica, della farmacologia, della pediatria e della medicina interna. La mia idea di medico è quella di un lavoro di gruppo che possa essere parte di un team multidisciplinare ben strutturato che garantisca ai pazienti un iter di cura completo ed efficace. Spero un giorno di poter fare esperienze anche in zone di guerra specialmente in medio oriente magari con MSF o Emergency