Negli ultimi anni le aziende farmaceutiche hanno investito la maggior parte del loro budget di ricerca e sviluppo nell’identificazione di nuove molecole che fossero in grado di trattare l’infezione da HIV: numerosi progressi sono stati raggiunti.

Grazie ai progressi nel campo della farmacologia, dal 2000 in avanti, si è capito che per i pazienti sieropositivi ci potevano essere più speranze di sopravvivenza se questi assumessero più farmaci antivirali contemporaneamente: nasce così la HAART, terapia anti-retrovirale altamente attiva.

Dalla scoperta dell’zidovudina, conosciuta anche con il nome di AZT, avvenuta alla fine degli anni 80, ai pazienti era sempre stata prescritta una monoterapia che in breve tempo risultava inefficiente e non in grado di controllare la replicazione virale. Questo accadeva (ed accade tuttora in maniera più limitata) perché il virus dell’immunodeficienza umana, in particolare il sierotipo HIV-1, è dotato di una trascrittasi inversa che non ha l’attività di proofreading, che le permetterebbe di eliminare gli errori di appaiamento durante la replicazione del genoma virale. Proprio a causa di questa “mancanza” si è visto che questo enzima commette un errore ogni 1.700 basi azotate durante la sua attività: tutto ciò si traduce in un’altissima possibilità di mutazione dei siti bersaglio dell’azione farmacologica.
Ai nostri giorni quindi la terapia dei pazienti positivi al virus dell’HIV è sempre più incentrata sull’assunzione di almeno 3 principi attivi al fine di ridurre la minimo lo sviluppo di resistenze farmacologiche che potrebbero portare all’inarrestabilità della replicazione e quindi all’evoluzione della patologia verso l’AIDS conclamata.
L’attività di ricerca si è anche concentrata ad individuare dei nuovi composti che non agissero solamente sulla trascrittasi inversa ma anche durante le altre fasi del ciclo vitale del patogeno. Proprio per questo motivo ad oggi esistono varie famiglie di farmaci contro l’HIV che adesso analizzeremo brevemente.

HIV - Terapia HAARTInibitori nucleosidici (NRTI) e non-nucleosidici (NNRTI) della trascrittasi inversa

Le molecole che appartengono a questa categoria agiscono bloccando in maniera diretta o indiretta (sostituendosi ai nucleotidi endogeni) la duplicazione del genoma virale attraverso la loro azione sull’enzima preposto allo svolgimento di questa funziona: la retrotrascrittasi.
In realtà i NRTI agiscono in maniera differente rispetto ai NNRTI ma il loro bersaglio è sostanzialmente lo stesso. Dei primi fa parte l’azidotimidina (AZT) che è stato il primo farmaco impiegato per il trattamento dell’infezione da HIV, il cui uso è stato fortemente limitato nel tempo a causa dei pesanti effetti collaterali ripotati da chi lo assumeva.
Gli inibitori non nucleosidici agiscono su diversi siti della trascrittasi inversa inducendo delle modificazioni strutturali che ne impediscono il normale funzionamento.
Entrambe queste tipologie sono molto efficaci tanto che vengono considerati come farmaci di prima linea nel trattamento, ma devono essere sempre somministrati insieme ad altre molecole (anche della stessa categoria) in quanto il fenomeno della resistenza in monoterapia compare precocemente e porta al fallimento terapeutico.

Terapia HAART - Inibitori proteasi viraleInibitori della proteasi virale

Gli appartenenti a questa classe agiscono su un enzima chiamato proteasi, che permette la maturazione del genoma virale prodotto all’interno della cellula dell’ospite e quindi è coinvolto indirettamente nella quantità di virus presente nel sangue del soggetto.
La loro introduzione in medicina risale al 1996 e da allora vengono considerati farmaci di prima scelta in associazione agli NRTI o NNRTI in quanto il ritardano il processo di formazione della resistenza e riducono particolarmente la carica virale.

Inibitori della fusione

Il capostipite di questa famiglia è l’enfuvirtide, un peptide anti-fusogeno che si lega alla proteina gp-41, presente sulla membrana del virus dell’HIV e responsabile della penetrazione dello stesso all’interno della cellula linfocitaria, e ne impedisce la modificazione strutturale necessaria alla buona riuscita del suddetto processo.
Così facendo le particelle virali circolanti non riescono ad infettare nuovi linfociti e il numero di quest’ultimi può restare invariato o aumentare.
Purtroppo a causa del suo costo elevato, circa 25,000$/anno di terapia, attualmente viene impiegato solamente come “terapia di salvataggio” (sempre in associazione con altre molecole) in pazienti affetti da HIV-1 resistente a più farmaci.

Inibitori dell’intregrasi

È la più nuova famiglia di farmaci anti-HIV conosciuti e il suo capostipite è il Raltegravir. Agiscono direttamente sul processo di integrazione del genoma virale all’interno della cellula ospite, tipico dei retrovirus. Così facendo il patogeno lega la sua riproduzione alla sopravvivenza stessa della cellula del sistema immunitario che lo ospita e, in ultima analisi, alla sopravvivenza dello stesso soggetto infettato.
Questi farmaci vengono riservati per l’impiego in pazienti che hanno già vissuto il fallimento terapeutico della terapia precedente in quanto la resistenza agli inibitori dell’integrasi si sviluppa in tempo medio-brevi.

HAART e terapie per pazienti HIV+

Come già abbiamo detto è ritenuto ormai valido a livello mondiale l’utilizzo di più farmaci in co-somministrazione al fine di evitare o quanto meno ritardare lo sviluppo di resistenze.
La HAART viene però calibrata a seconda del pazienti a cui è indirizzata al fine di ridurre gli effetti collaterali, che possono essere anche gravi, e ottenere dei risultati in termini di sopravvivenza e qualità di vita. In particolare gli endpoints finali delle terapie sono due:
a) aumentare o perlomeno mantenere stabile il numero di linfociti CD4, così da rallentare il più possibile l’evoluzione verso l’immunodeficienza conclamata (AIDS),
b) ridurre al minimo il valore della carica virale (viremia) all’interno del sangue del paziente.
In particolare questo secondo punto sta acquisendo sempre più importanza poiché si è visto che riducendo la viremia si assiste ad una riduzione della possibilità di propagazione dell’infezione dal soggetto infetto ad individui naïve attraverso pratiche sessuali non protette o comunque comportamenti considerati a rischio.
Nel trattamento dei pazienti asintomatici ma contagiati dal virus dell’HIV, è possibile seguire due approcci differenti:
– americano: che prevede l’inizio della HAART a chiunque risulti positivo ai test e abbia una conta di CD4<500/µL, anche se asintomatico.
– europeo: la terapia viene prescritta solamente se il livello di CD4 risulta inferiore a 350/µL.
Gli individui sintomatici invece devono iniziare sempre la terapia antivirale al fine di ridurre la velocità di evoluzione della patologia e conservare un pool di linfociti CD4 funzionale al più a lungo possibile.
Allo stesso tempo la scelta “europea” di ritardare l’utilizzo della HAART in pazienti asintomatici è dettata dal fatto che, ricorrendo alla terapia il più tardi possibile, la sopravvivenza media dei pazienti aumenta e la loro qualità di vita non è particolarmente inficiata.

Effetti indesiderati della HAART

Purtroppo non esiste una serie di eventi standardizzati che si possono verificare nei pazienti che assumono la terapia antivirale in quanto gli effetti indesiderati sono diversi a seconda del “cocktail” di farmaci che assume ciascun soggetto.
Gli NRTI e NNRTI sono causa di importanti effetti avversi a livello epatico: aumento delle transaminasi, colestasi, ittero, danno epatico importante, dislipidemie e alterazioni del quadro proteico e della coagulazione.
Il Ritonavir può causare diarrea, vomito e perfino parestesie (agendo sulla replicazione delle cellule del sistema nervoso periferico); il Lopinavir è responsabile dell’aumento del colesterolo (anche fino alla concentrazione di 600mg/dL) e l’Indinavir può comportare la comparsa di calcolosi renale.
Anche l’Enfuvirtide non è esente da problematiche avverse, in particolare alla luce del suo metodo di somministrazione (sottocutaneo): alcuni pazienti hanno lamentato eritemi e dolore al punto d’inoculo, neuropatia periferica, insonnia, depressione, artralgia e aumento delle infezioni batteriche.
Come si è potuto capire questi farmaci condizionano particolare la vita dei soggetti affetti da HIV e, nonostante negli ultimi anni si sono fatti numerosi passi avanti volti a migliorare la compliance alla terapia da parte del paziente, resta comunque la noia di doverli assumere a vita, pena il peggioramento del quadro clinico.

Terapia profilattica

Negli ultimi anni si sono sviluppate due terapie profilattiche al fine di ridurre la possibilità di contagio qualora si dovesse venire in contatto con pazienti sieropositivi oppure si abbiano avuti comportamenti considerati a rischio.

Vaginal ringProfilassi pre-espozione (PrEP) – Nasce principalmente dall’esigenza dei soggetti, il cui partner è sieropositivo, di praticare del sesso orale, anale o vaginale senza utilizzare metodi contraccettivi.
Nonostante quanto appena affermato possa sembrare un “capriccio” bisogna considerare che praticare la PrEP può essere l’unico modo attraverso il quale una coppia, in cui l’uomo ha contratto l’HIV, può avere un figlio riducendo le possibilità che la moglie venga contagiata trasmettendo il virus anche al nascituro.
Spesso la PrEP viene anche consigliata agli individui sieropositivi di una coppia al fine di ridurre il contagio crociato tra sierotipi virali differenti durante i rapporti sessuali o la convivenza.
Attualmente sono possibili vari tipi di farmaci e in varie formulazioni:

  • Tenofovir gel 1%: deve essere applicato in due dosi all’interno della vagina (o della cavità anale). La prima fino a 12 ore prima del rapporto, mentre la seconda entro 12 ore dalla fine dello stesso. È molto importante rispettare la tempistica in quanto al fine di evitare la trasmissione c’è bisogno che l’antivirale abbia la maggiore concentrazione possibile all’interno delle mucose anali e/o vaginali. Qualora il paziente rispetti le indicazioni del medico la probabilità di non contrarre l’HIV aumenta del 38% rispetto ad un rapporto, dello stesso tipo, senza l’utilizzo del farmaco.
  • Tenofovir + Emtricitabina: da assumere oralmente per almeno un mese prima di praticare del sesso non protetto permette la riduzione della probabilità di contagio fino al 62% nelle donne e al 79% negli uomini eterosessuali.
    Per gli uomini omosessuali la riduzione della probabilità di infezione si attesta al 68%. Questo dato è inferiore agli eterosessuali in quanto la mucosa anale è più sensibile ai microtraumi causati dal rapporto e questo favorisce la trasmissione in questi categoria di invidiui (anche se sottoposti a PrEP).
  • Dapivirine vaginal ring: è un anello vaginale medicato che, una volta inserito, rilascia costantemente una determinata quantità di farmaco NRTI. È ancora in fase di sperimentazione al fine di valutare l’effettiva efficacia protettiva.

Profilassi post-esposizione (PEP) – Come ogni profilassi post-esposizione può essere occupazionale, se viene applicata a operatori sanitari dopo un incidente con oggetti contaminati (ad es. puntura con aghi precedentemente utilizzati per iniezioni a pazienti sieropositivi), oppure non occupazionale se viene applicata a persone che si siano trovate in situazioni a rischio (ad es. rottura del preservativo durante un rapporto sessuale con partner sieropositivo o a sierologia ignota). Deve essere iniziata il prima possibile dopo la sospetta (o accertata) esposizione all’HIV: possibilmente entro 4 ore o comunque non oltre le 72 ore. Questa necessità di iniziare precocemente il trattamento è legata al fatto che occorre agire sul virus prima che esso raggiunga il timo dove troverebbe numerosi linfociti pronti per essere infettati.
Solitamente il trattamento viene attuato per 4 settimane e vi è una buona probabilità che l’HIV non riesca a diffondersi a sufficienza per sopravvivere e venga eliminato dall’organismo. Si stima che la probabilità di contagio è ridotta dell’80% se la terapia profilattica viene praticata correttamente secondo i tempi stabiliti dal medico.

Effetti avversi di PrEP e PEP – Sia nei casi di PrEP orale che di PEP gli effetti indesiderati sono simili a quelli dell’HAART a causa dell’utilizzo delle stesse categorie di farmaci, anche se per periodi più brevi. Proprio per questo motivo si continua a consigliare l’uso del preservativo in quanto garantisce prestazioni “profilattiche” migliori senza presentare effetti avversi.

Diagnosi di AIDS – Un delicato momento, ma sei tutelato! | http://wp.me/p50yx2-Oc

Dati Epidemiologici – I numeri sull’HIV ed i gruppi più esposti. | http://wp.me/p50yx2-NK

Decalogo sulla prevenzione – E’ semplice, proteggiti. | http://wp.me/p50yx2-NR

Amministratore | Frequento la Scuola di Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico". Sono interno in Chirurgia Generale, laparoscopica e mini-invasiva. Mi occupo di coordinare la redazione scientifica e dell'organizzazione di corsi ed eventi targati "La medicina in uno scatto".

56 COMMENTI

  1. Please let me know if you’re looking for a author for your
    weblog. You have some really great articles and I believe I would be
    a good asset. If you ever want to take some of the load off, I’d really like to write some material for your blog in exchange for a link back to mine.
    Please shoot me an email if interested. Cheers!

  2. Hi! I know this is somewhat off topic but I was wondering
    which blog platform are you using for this site?
    I’m getting tired of WordPress because I’ve had problems with hackers and I’m looking at options
    for another platform. I would be great if you
    could point me in the direction of a good platform.

  3. Great blog! Do you have any recommendations for
    aspiring writers? I’m hoping to start my own blog soon but I’m a little lost on everything.
    Would you suggest starting with a free platform like WordPress or go for a paid option? There are
    so many options out there that I’m totally confused .. Any tips?
    Bless you!

  4. Today, I went to the beach front with my kids.
    I found a sea shell and gave it to my 4 year old daughter and said “You can hear the ocean if you put this to your ear.” She put the shell to her ear and
    screamed. There was a hermit crab inside and it pinched her ear.

    She never wants to go back! LoL I know this is totally off topic but I had
    to tell someone!

  5. DALL’HIV POSITIVO AL NEGATIVO CON L’AIUTO DEL DR. AHMED USMAN HERBAL MEDICNE.
    ottenere una cura per l’HIV è un concetto potente, spesso definito come il Santo Graal della ricerca sull’HIV. Il mio nome è Jane Johnson il mio risultato del test dell’HIV era posturale e mi ha davvero spezzato il cuore, ero confuso e triste, ho iniziato a bere, fumare per la solitudine per quasi 2 mesi. Il mio medico mi consigliò di iniziare a prendere i miei farmaci ARV per sedurre il virus quasi sempre volte mi ammalo, perché il mio sistema immunitario è debole. Quando ricordo che non esiste alcuna cura per l’HIV, ho iniziato a prendere i miei ARV, il mio CD4 era 77 e il carico virale ‘era 112, 450.
    Ma oggi sto lasciando una testimonianza alla mia famiglia e ai miei amici che esiste una cura per l’HIV con l’aiuto della fitoterapia, spero con le conoscenze e le capacità che il Dr. Ahmed Usman può sradicare il virus dell’HIV, trasformando anche la vita di quelli che ora vivono con il virus, con l’aiuto della medicina erboristica Dr. Ahmed Usman.
    Data l’efficacia di questo farmaco sia nel trattamento che nella prevenzione dell’infezione da HIV, dirò a tutti coloro che leggeranno questo, che ne sono testimone vivente. A differenza dei truffatori e degli scammer online che ti giocano e ti lasciano frustrati dalla perdita di denaro e dalla speranza, questo farmaco costa meno e vale la pena provarlo.
    Se sei interessato a guarire dalla tua stessa malattia, contatta il Dr. Ahmed Usman.
    Di seguito è riportato il collegamento di comunicazione del medico che ha la nuova medicina che ho preso che mi ha guarito.
    Dr Ahmed Usman
    E-mail: (drahmedusman123@gmail.com). Chiama o Whatsapp su: +2348064460510
    Le sue cure di erboristeria; Cancro, tifo, mestruazioni dolorose, herpes e malattie vertebrali.

  6. Its like you learn my mind! You seem to grasp a lot approximately this, such as you wrote the book in it or something.
    I think that you just could do with some percent to force
    the message home a little bit, however other than that, this is excellent blog.
    An excellent read. I will definitely be back. plenty of fish natalielise

  7. Currently it sounds like WordPress is the top blogging platform available right now.

    (from what I’ve read) Is that what you’re using on your blog?
    natalielise plenty of fish

  8. Pretty nice post. I simply stumbled upon your weblog and wished to mention that I have truly enjoyed browsing your weblog posts.
    After all I will be subscribing on your feed and I’m
    hoping you write once more soon!

  9. Good day! I know this is kinda off topic however I’d figured I’d ask.
    Would you be interested in trading links or maybe guest authoring a blog article or vice-versa?
    My blog goes over a lot of the same topics as yours
    and I feel we could greatly benefit from each other. If you happen to be
    interested feel free to shoot me an e-mail. I look forward to
    hearing from you! Excellent blog by the way!

  10. What’s Taking place i’m new to this, I stumbled upon this I’ve
    found It absolutely useful and it has aided me out loads.

    I’m hoping to contribute & help different customers like its aided me.
    Great job.

  11. May I simply just say what a relief to uncover someone who actually knows what
    they are discussing on the internet. You definitely understand how to bring an issue to light
    and make it important. A lot more people should check this out and understand this side of your story.
    I was surprised you are not more popular given that you definitely
    have the gift.

  12. I would like to thank you for the efforts you have put in penning this blog.
    I am hoping to view the same high-grade blog posts from you in the future as well.
    In truth, your creative writing abilities has motivated me to get my own website now 😉

  13. I do consider all of the ideas you have presented in your post.
    They’re really convincing and can definitely work.

    Still, the posts are too short for newbies. May you please
    extend them a bit from subsequent time? Thanks for the post.

  14. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to make your point.
    You obviously know what youre talking about,
    why throw away your intelligence on just posting videos to your weblog when you could be giving us something enlightening to read?

  15. When I originally commented I appear to have clicked on the -Notify
    me when new comments are added- checkbox and from now
    on each time a comment is added I receive 4 emails with the exact same comment.
    Is there an easy method you can remove me from that service?
    Kudos!

  16. I am really loving the theme/design of your website.
    Do you ever run into any web browser compatibility issues?
    A handful of my blog readers have complained about my website not operating correctly in Explorer but
    looks great in Chrome. Do you have any solutions to
    help fix this problem?

  17. Fantastic goods from you, man. I have take into accout your stuff
    prior to and you are just too great. I actually like what you’ve received right here, certainly like what you’re saying and the way wherein you
    assert it. You’re making it enjoyable and you still care for to keep it wise.
    I can’t wait to read much more from you. This is really a tremendous web site.

  18. You really make it seem so easy with your presentation but I find this matter to be actually something
    that I think I would never understand. It seems too complex
    and very broad for me. I am looking forward for your next post, I will try to get the
    hang of it!

  19. Its like you read my mind! You appear to know so much
    about this, like you wrote the book in it
    or something. I think that you can do with some pics to drive the message home a little bit, but instead of that, this is
    great blog. An excellent read. I’ll certainly be back.

  20. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any widgets I could add to my blog that
    automatically tweet my newest twitter updates. I’ve been looking for
    a plug-in like this for quite some time and was hoping maybe you would have some experience with something like this.

    Please let me know if you run into anything. I truly enjoy reading your blog and I look forward
    to your new updates.

  21. I have been browsing on-line greater than three hours
    nowadays, yet I never discovered any fascinating article like
    yours. It is beautiful price sufficient for me. Personally, if all web owners and
    bloggers made excellent content material as you probably did, the web will be much more helpful than ever
    before.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here