La recente notizia del successo di un intervento su bimbi affetti da tracheobroncomalacia (TBM) pone sotto i riflettori le stampanti 3D. Come funzionano questi macchinari e qual è la loro utilità in ambito medico-chirurgico.

Kaiba è stato il primo bambino a ricevere lo splint
Kaiba è stato il primo bambino a ricevere lo splint

La tracheobroncomalacia è una patologia che colpisce le cartilagini di trachea e bronchi e che determina il cedimento di queste strutture, impedendo ogni passaggio di aria da e verso i polmoni. I pazienti affetti rischiano di andare incontro ad arresto cardiopolmonare, condizione che mette a rischio la loro sopravvivenza. Nel 2012 è stato impiantato per la prima volta dall’equipe medica guidata dal dott. G. Green e dal dott. S. Hollister del C.S. Mott Children’s Hospital, un dispositivo o splint (immagine di copertina) ottenuto mediante una stampante 3D in un bambino di 2 mesi. Questo supporto, costituito da un materiale biocompatibile e bioriassorbibile, è stato “cucito” intorno al bronco e ne permette l’espansione ed il mantenimento della forma, evitando il collasso e permettendo il passaggio di aria.  Sono passati tre anni da quel giorno e lo splint è stato riassorbito. Nel frattempo sono stati operati altri due bambini con la stessa tecnica ed i risultati sono ottimi: i tre piccoli pazienti stanno benissimo, riescono a respirare autonomamente senza che questa azione, così naturale e vitale, sia dannosa.

Tutto ciò è stato possibile grazie all’ingegno dei medici e alla possibilità di utilizzare un particolare strumento: la stampante 3D. Questo macchinario rappresenta una delle più importanti innovazioni dei nostri tempi, diventando di grandissima utilità in diversi campi: dall’edilizia e al design fino alla medicina. In quest’ultima branca, le conoscenze finora acquisite, vengono sfruttate per la riparazione di difetti anatomici a carico di un particolare organo (come nel caso sopracitato) o per la realizzazione protesi personalizzate. In particolare la chirurgia cranio maxillo facciale si serve di questa metodica in casi di traumi, oppure di alterazioni del massiccio facciale o della scatola cranica dovute a varie patologie.

Ancora, questa tecnologia è alla base della tissue engineering: con le stampanti 3D si è in grado di realizzare delle vere e proprie impalcature su cui andare ad impiantare cellule in grado di proliferare e popolare queste strutture. L’obiettivo è quello di ottenere dei tessuti funzionanti dal punto di vista chimico e biologico che possano sostituire o integrare la normale attività di quelli del nostro organismo in caso di danno.

Senza voler entrare troppo nei dettagli e nei tecnicismi, il funzionamento di questi strumenti è paragonabile a quello di una classica stampante che tutti noi utilizziamo per i nostri documenti: il punto di partenza è sempre l’immagine, con la differenza che ciò che si ottiene non è un foglio di carta, ma un modello tridimensionale. In medicina, i dati forniti alla macchina sono rappresentati da reperti di imaging, in particolare tac e risonanza magnetica, che rappresentano i metodi di visualizzazione attualmente più precisi. Una volta acquisite tutte le informazioni, il modello viene progettato su di un computer e personalizzato sulle caratteristiche del paziente. La stampa avviene strato per strato e l’oggetto può eventualmente andare incontro a processi di post-produzione.

L’ “inchiostro” di questa stampante è rappresentato da materiali biocompatibili, ovvero altamente tollerati e non dannosi per l’organismo, che hanno ricevuto l’approvazione dalla FDA (Food and Drug Administration). Quelli più comunemente utilizzati sono polimeri, sia sintetici che naturali, ceramiche e metalli. Ognuno di essi possiede delle particolari proprietà e viene scelto in base al tipo di oggetto da realizzare.

Ciò che ha determinato il successo di questa tecnica di stampa è la possibilità di ottenere un dispositivo individuale e personalizzato che si adatti e che tenga conto di tutte le variabili fisiologiche e patologiche di ogni paziente. Il tutto rientra nell’ambito di una medicina e soprattutto di una chirurgia, non più vista come prettamente demolitiva e di rimozione, ma ricostruttiva e rigenerativa. Sempre più personalizzata e volta a considerare e rispettare l’individuo nella sua unicità.

Fonti | Review 3D printing, Articolo NEJM su TBM

56 COMMENTI

  1. What i don’t understood is actually how you’re now not actually much more well-preferred
    than you may be right now. You are very intelligent.
    You realize therefore significantly when it comes to this subject,
    produced me for my part consider it from a lot
    of numerous angles. Its like women and men aren’t
    interested except it is one thing to do with Woman gaga!
    Your individual stuffs great. Always take care of it up!

  2. Hey there! This is my 1st comment here so I just wanted to give a
    quick shout out and tell you I really enjoy reading through your blog posts.
    Can you recommend any other blogs/websites/forums that go over the same
    topics? Thanks a lot!

  3. Hi there, i read your blog occasionally and i own a similar one and i was just
    wondering if you get a lot of spam feedback? If so
    how do you stop it, any plugin or anything you can advise?
    I get so much lately it’s driving me mad so any help is very much appreciated.

  4. Simply wish to say your article is as astonishing.
    The clearness in your post is simply great and i could assume you’re an expert on this subject.
    Fine with your permission allow me to grab your feed
    to keep up to date with forthcoming post.
    Thanks a million and please carry on the rewarding work.

  5. Hi there just wanted to give you a quick heads up. The text in your post seem to be
    running off the screen in Ie. I’m not sure if this is
    a formatting issue or something to do with internet browser compatibility but I figured I’d post
    to let you know. The design and style look great though! Hope you get the issue resolved soon. Cheers

  6. With havin so much content and articles do you ever run into any issues of plagorism or copyright
    violation? My site has a lot of completely unique content I’ve either written myself or outsourced
    but it seems a lot of it is popping it up all over the web without my agreement.
    Do you know any methods to help prevent content from being stolen? I’d truly appreciate
    it.

  7. Great blog here! Also your site loads up fast! What web host are you using?

    Can I get your affiliate link to your host? I wish my site loaded up as quickly as yours lol natalielise plenty of fish

  8. An impressive share! I’ve just forwarded this
    onto a colleague who has been doing a little research on this.
    And he in fact bought me dinner due to the fact that I discovered it for
    him… lol. So allow me to reword this….
    Thanks for the meal!! But yeah, thanks for spending some time to discuss this matter here on your website.

  9. Undeniably imagine that that you said. Your favorite reason appeared to be at
    the web the simplest thing to be aware of. I say to you, I certainly get irked whilst
    other people consider concerns that they plainly do not realize about.
    You managed to hit the nail upon the highest and outlined out the whole
    thing with no need side effect , folks could take a signal.
    Will probably be back to get more. Thanks

  10. I don’t know if it’s just me or if everybody else encountering problems with your blog.
    It looks like some of the text on your posts are running off the screen. Can somebody else please comment and
    let me know if this is happening to them too?
    This may be a issue with my browser because I’ve had this happen before.
    Many thanks plenty of fish natalielise

  11. Hi! I could have sworn I’ve been to this blog before but after checking through some of the post I
    realized it’s new to me. Anyhow, I’m definitely happy I found it and I’ll be book-marking and checking back often!

  12. Excellent blog you have here but I was curious if you knew
    of any message boards that cover the same topics talked about here?

    I’d really love to be a part of online community where I can get responses from other experienced people that share the same interest.
    If you have any recommendations, please let me know. Bless
    you!

  13. you are in reality a just right webmaster. The site
    loading speed is incredible. It sort of feels that you
    are doing any distinctive trick. Moreover, The contents are masterwork.

    you have performed a excellent process in this
    topic!

  14. Appreciating the hard work you put into your site and in depth
    information you provide. It’s great to come across a blog every once in a while that isn’t the same old rehashed information. Excellent read!

    I’ve saved your site and I’m including your RSS feeds to my Google account.

  15. Hey! This is my first visit to your blog! We are a group
    of volunteers and starting a new project in a community in the same niche.
    Your blog provided us valuable information to work on. You have done a wonderful job!

  16. Hi, i think that i saw you visited my site thus i came to return the favor?.I
    am attempting to to find issues to improve my website!I
    guess its adequate to use some of your concepts!!

  17. Have you ever thought about publishing an ebook or guest authoring on other blogs?
    I have a blog based on the same topics you discuss and would really like
    to have you share some stories/information. I
    know my viewers would enjoy your work. If you’re
    even remotely interested, feel free to send me an e-mail.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here