Quando i Microrganismi ci Salvano la Vita

3318
  1. Microrganismi: da sempre visti come qualcosa di ignoto e pericoloso; ma se da una parte  sono alla base di molte malattie, dall’altra parte ce ne sono altri che invece addirittura producono farmaci per noi.

1. Penicillium chrysogenum – Penicillina

Penicillium chrysogenum
Penicillium chrysogenum

Uno dei microrganismi più importanti nella storia dell’uomo, P. Chrysogenum è un fungo ifomicete da cui viene estratta la Penicillina, un antibiotico attivo contro la maggior parte dei batteri gram positivi, spirochete, gonococchi, meningococchi. La scoperta passata alla storia, fu fatta casualmente da Alexander Fleming nel 1928 e per essa vinse il premio Nobel nel 1945. Capostipite della famiglia, la penicillina G, da cui sono derivate le varie molecole che compongono ad oggi la vasta categoria delle Penicilline.

 

2. genere Escherichia – Vitamina K

Escherichia Coli
Escherichia Coli

Sotto il nome di vitamina K si riconoscono 3 sottotipi (K1, K2 e K3) che sono fondamentali nel metabolismo di fattori della coagulazione come protrombina, fattore VII, IX e X e proteina C. La vitamina K1 è assunta per via alimentare, con l’ingestione di ortaggi a foglie verdi come spinaci, broccoli, legumi e uova. La forma K3 è di origine sintetica. Mentre la vitamina K2 è prodotta dai batteri del genere Escherichia, come Escherichia Coli, che colonizzano normalmente il nostro intestino.

3. genere Salmonella – farmaci anticancro

Salmonella
Salmonella

Ceppi di Salmonella sono stati riprogrammati dall’equipe del Jeff Hasty, formata da ricercatori del Massachussett Institute of Technology e dell’Università della California, cosi da poter produrre farmaci anticancro proprio a livello della cellula tumorale, per poi autodistruggersi. Questo meccanismo ha portato al raggiungimento di regioni più “nascoste” delle neoplasie e un aumento del 50% dell’aspettativa di vita.

Aspergillus Terreus
Aspergillus Terreus

4. Aspergillus Terreus – Lovastatina

La lovastatina è un derivato della fermentazione di Aspergillus Terreus. Facendo parte della famiglia delle statine, agisce con azione di inibizione selettiva e competitiva contro l’enzima HMG-CoA reduttasi, implicato nel metabolismo degli acidi grassi. Associato ad una corretta alimentazione ed attività fisica, viene utilizzata nel trattamento dell’ipercolesterolemia.

 

5. Staphylococcus Lugdunensis – Lugdunina

Staphylococcus spp.
Staphylococcus spp.

E’ un batterio dotato di aggressività e patogenicità, con la particolarità di competere con Staphylococcus Aureus. Recenti studi, hanno individuato nel naso di alcuni pazienti ospedalizzati la presenza o di Aureus o di Lugdunensis, lasciando presagire che la presenza di uno impediva l’insidiarsi dell’altro. Sono cosi arrivati alla scoperta della Lugdunina, una molecola prodotta da S. Lugdunensis che allontana Aureus. Si sta lavorando quindi per utilizzare questa molecola come antibiotico contro Aureus, soprattutto nei ceppi farmaco-resistenti.

Questi sono solo alcuni degli esempi di come i microrganismi possano essere anche dei nostri importantissimi alleati. Basta pensare al microbiota che popola il nostro intestino, la nostra cute e le nostre mucose, e che, da ospite invisibile, ci protegge e ci aiuta a vivere bene.