trattameno piede diabetico, usa

Il Prof. Luca Dalla Paola premiato in USA con il Paul Brand Memorial Lectureship 2016 per i suoi studi e interventi sul Trattamento del Piede Diabetico

Prof. Luca Dalla Paola: “A Maria Cecilia Hospital ogni anno più di mille interventi di salvataggio d’arto, con esito positivo nei 90-95% dei casi. Abbiamo aperto un ambulatorio specializzato all’Ospedale San Carlo di Nancy di Roma, con il nostro modello organizzativo che prevede la costituzione di percorsi dedicati, di un reparto specializzato ed equipe multidisciplinari che costituiscono il benchmark assistenziale”

6,2% la prevalenza del diabete mellito nella popolazione italiana. Di questi circa il 15% svilupperà un evento ulcerativo a carico del piede

È italiano il medico al quale è stato assegnato il prestigioso premio Paul Brand Memorial Lectureship 2016, riconoscimento internazionale conferito a chi maggiormente si è contraddistinto nel salvataggio degli arti colpiti da diabete mellito e per il contributo nell’innovazione e nel miglioramento degli interventi. Durante la DesertFoot Conference tenutasi a Phoenix, il Prof. Luca Dalla Paola, responsabile dell’unità operativa trattamento piede diabetico di Maria Cecilia Hospital e dell’Ospedale San Carlo di Nancy, è salito sul palco accompagnato dagli applausi dei più importanti esperti del settore, giunti per l’occasione nella città dell’Arizona.

Un premio che rilancia l’Italia, e il medico nello specifico, come eccellenza medico scientifica nel trattamento della patologia del piede diabetico.

Il 6,2% della popolazione italiana – spiega il Prof. Luca Dalla Paola –  è affetto da diabete mellito; di questi, circa il 15% svilupperà un evento ulcerativo a carico del piede. L’ulcerazione del piede è considerata la prima causa d’amputazione del piede nella popolazione diabetica. Soltanto in centri altamente specializzati e riconosciuti è possibile avere e affrontare un terapia che riduce in maniera estremamente significativa il numero delle amputazione. L’obiettivo è ridurre la pratica delle amputazioni. Più del 60% delle amputazioni non traumatiche nel mondo occidentale vengono eseguite nella popolazione diabetica. Negli ultimi vent’anni c’è stato un miglioramento delle conoscenze che ha permesso di aumentare gli arti salvati, questo grazie al miglioramento della componente infettiva, della chirurgia routinaria e delle tecniche di rivascolarizzazione”.

Per il Prof. Luca Dalla Paola parlano i numeri. Oltre ad aver dedicato più di vent’anni del suo percorso professionale in questo settore, nella struttura in cui opera, Maria Cecilia Hospital di Cotignola (Prevalenza del diabete mellito in Emilia Romagna 5.5%), il Prof. Dalla Paola effettua ogni anno più di mille interventi su pazienti provenienti da tutta Italia con una percentuale di salvataggio d’arto nella popolazione trattata e seguita superiore al 90-95%.
Inoltre all’ Ospedale San Carlo di Nancy di Roma, dove il medico effettua l’attività ambulatoriale, con  centro dedicato e ultraspecializzato – 6,5% prevalenza di diabete mellito nel Lazio  – ciò significa essere più vicini  a pazienti e familiari fornendo un setting di cura dedicato.

Il nostro approccio al trattamento di questa patologia è chirurgico e multidisciplinare specifica il Prof. Luca Dalla PaolaSiamo convinti che con un aggressivo trattamento in sala operatoria delle complicanze sia infettive sia vascolari di questa patologia siamo in grado di salvare la maggior parte dei casi clinici. Questo è possibile però adottando una strategia di integrazione tra le diverse competenze che comprenda la prevenzione, l’educazione sanitaria del paziente e dell’equipe sanitaria, nonché il trattamento multidisciplinare delle lesioni ulcerative. Solo così i percorsi di cura possono essere efficaci e brevi”.

Il piede diabetico è la patologia invalidante che colpisce i soggetti diabetici. Il diabete, infatti, può causare la stenosi (restringimento) o occlusione delle arterie degli arti inferiori riducendo in modo critico l’apporto di sangue e ossigeno alle estremità. Se non si dovesse intervenire la conseguenza è il continuo peggioramento del quadro clinico che può arrivare fino all’amputazione, più o meno estesa, dell’arto malato.

 


 

GVM Care & Research

GVM Care & Research, gruppo fondato e presieduto da Ettore Sansavini, opera nei settori della sanità, della ricerca, dell’industria biomedicale e delle cure termali, con obiettivi di assistenza specialistica, prevenzione medica e promozione del benessere e della qualità della vita. Cuore di GVM Care & Research è la rete integrata di 23 Ospedali, molti dei quali di Alta Specialità, e 4 Poliambulatori, presenti in 9 regioni italiane: Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Puglia, Campania e Sicilia. La sede di GVM Care & Research è a Lugo (Ravenna). L’esperienza e le competenze sviluppate negli anni hanno posizionato GVM Care & Research come polo d’eccellenza nel panorama sanitario italiano soprattutto per Cardiologia, Cardiochirurgia, Elettrofisiologia, Ortopedia, Neurochirurgia, Aritmologia e trattamento del Piede Diabetico.