caso clinico 83 - chiara viglianisi la medicina in uno scatto quiz medicina

Caso

Federico, 29 anni, presenta da circa sei giorni tosse notturna non produttiva con un andamento parossistico associata ad un respiro affannoso.
In anamnesi non vi sono storie di malattie respiratorie croniche, nega allergie, non fuma, non consuma abitualmente alcolici.
Ha raccontato al proprio mmg di essere emigrato da un paesino del Sud-Est Asiatico circa cinque mesi fà.
Il mmg richiede, in prima istanza, esami di laboratorio che mostrano una conta leucocitaria di 27.000/mm3 con 20.000/mm3 eosinofili.

Si richiede una radiografia del torace che mostra degli infiltrati reticolonodulari alle basi polmonari.
Che altri esami possono risultare dirimenti per il medico?
Quali sono i suoi sospetti?

LA DIAGNOSI CORRETTA E’: EOSINOFILIA TROPICALE POLMONARE

L’eosinofilia tropicale (polmonare) , o TPE, è caratterizzata da tosse , attacchi asmatici e una milza ingrossata ed è causata da Wuchereria bancrofti , infezione filariale.
Si verifica più frequentemente in India e Sud-Est asiatico . L’eosinofilia tropicale è considerata una manifestazione di una specie di microfilaria;questa malattia può essere confusa con la tubercolosi , asma, tosse o legati alla nematodi .
L’eosinofilia polmonare tropicale è una rara, ma ben conosciuta, sindrome caratterizzata da infiltrati interstiziali polmonari e da marcata eosinofilia periferica. Questa condizione è più ampiamente riconosciuta e prontamente diagnosticata nelle regioni endemiche di filariasi, come il subcontinente indiano, Africa, Asia e Sud America. Nei paesi non-endemici, i pazienti sono comunemente considerati asmatici bronchiali. I sintomi cronici possono ritardare la diagnosi per un massimo di cinque anni. Il riconoscimento precoce e il trattamento con il farmaco antifilariale, la dietilcarbamazina, è importante, poiché il ritardo prima del trattamento può portare a una progressiva fibrosi interstiziale e a compromissione irreversibile.
La condizione di eosinofilia marcata con coinvolgimento polmonare è stata prima chiamata l’eosinofilia polmonare tropicale nel 1950. La sindrome è causata da una reazione immunologica ipersensibile distinta alla microfilariae di W. bancrofti e Brugia malayi.
Tuttavia, solo una piccola percentuale (1000 kU / L);
• aumentati titoli di anticorpi antifilariali ;
• sangue periferico negativo per microfilariae ;
• una risposta clinica a dietilcarbamazina .
I titoli di IgG antifilarial Molta a microfilarie causano spesso reattività incrociata con altri nonfilarial elminti antigeni , come Strongyloides e antigeni Schistosoma, come dimostrato nei casi riportati. È importante escludere altre infezioni parassitarie prima che sia diagnosticata l’eosinofilia polmonare tropicale, con prove sierologiche, esame di campioni di feci in un laboratorio sperimentato in infezioni parassitarie o una prova di farmaci anthelminti. Altre infezioni parassitarie, come la filariae zoonotica , dirofilariasi , ascariasi , strongyloidi , larve migranti viscerali e hookwormpuò anche essere confuso con l’eosinofilia polmonare tropicale a causa delle caratteristiche cliniche sovrapposte, del profilo sierologico e della risposta alla dietilcarbamazina. I risultati radiologici sono nonspecifici, con apparenza normale sui raggi X del torace fino al 20% dei pazienti. biopsia polmonare non fa parte del lavoro diagnostico di routine di eosinophilia tropicale polmonare.
La risposta drammatica a un farmaco comunemente usato per filaria ( dietilcarbamazina ) quasi conferma la diagnosi. Non sono state stabilite linee guida per la terapia universale per l’eosinofilia polmonare tropicale. La dietilcarbamazina antifilariale (6 mg / kg / die in tre dosi separate per 21 giorni rimane l’agente terapeutico principale ed è generalmente ben tollerato. Gli effetti collaterali riportati includono mal di testa, febbre, prurito e disturbi gastrointestinali . L’eosinofilia spesso cade drasticamente entro 7-10 giorni dall’inizio del trattamento. Il trattamento iniziale con corticosteroidi può aiutare a ridurre la flogosi delle vie aeree ma se si sospetta una TPE o simili NON si dovrebbe usare per evitare la sua disseminazione.