I cambiamenti climatici danneggiano la nostra salute

393
cambiamento

I cambiamenti climatici stanno già influenzando negativamente la salute umana e i sistemi sanitari, e, secondo le previsioni, la situazione andrà solo a peggiorare. Se non vengono intraprese ulteriori azioni, nei prossimi decenni è previsto un sostanziale aumento di morbilità e mortalità, dovuti a malattie legate al caldo, malattie causate da aria inquinata, malnutrizione, e malattie trasmesse da vettori. Le popolazioni e le regioni vulnerabili saranno colpite in modo differente, con un aumento della povertà e delle disuguaglianze come conseguenza. Investimenti e politiche atte a promuovere un adattamento ai cambiamenti climatici e una diminuzione efficace delle emissioni di gas a effetto serra ridurrebbero l’entità ed i rischi per la salute, in particolare nel medio-lungo termine.

“La cosa più costosa che possiamo fare è quella di non fare nulla. Questo bilancio fa dell’azione per il clima una priorità” – Barak Obama

Cambiamenti climatici

La temperatura media globale è aumentata di circa 1° C dai tempi preindustriali, con la maggior parte di tale aumento (0,8 ° C) verificatosi dal 1970 in poi. Le concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica (il gas primario ad effetto serra) sono aumentate da circa 280 ppm in tempi preindustriali ai circa 410 ppm di oggi. La CO2 rimane nell’atmosfera per secoli. Anche altri inquinanti, come il metano, contribuiscono al riscaldamento e alla formazione di ozono troposferico. La temperatura media globale è attualmente in aumento ad una velocità di 0,2 °C per decennio a causa delle emissioni passate e continue.

Cambiamenti nelle temperature superficiali, 1850-2017.

L’aria più calda può trattenere più umidità, quindi l’aumento delle temperature è associato ai cambiamenti nei modelli di precipitazione. Ad esempio, ci sono stati aumenti sostanziali delle precipitazioni medie massime giornaliere. Ci sono state anche riduzioni dei livelli di acqua nel suolo a causa dell’aumento delle temperature. Anche l’inizio precoce della primavera e il ridotto manto nevoso invernale sono stati attribuiti ai cambiamenti climatici indotti dall’uomo e, senza cambiamenti nella gestione delle risorse idriche, periodi di siccità prolungata saranno sempre più frequenti entro la fine del secolo.

Quasi i due terzi degli effetti mondiali dei cambiamenti delle temperature dell’oceano atmosferico e vicino alla superficie per il periodo 1971-2010 sono stati attribuiti al cambiamento climatico antropogenico.

Nel 2016, circa 3,6 milioni di ettari di terra sono bruciati negli Stati Uniti e in Canada, e gli incendi che hanno devastato la California nel 2017 e nel 2018 sono stati gli incendi più distruttivi mai registrati nello stato. Gli incendi boschivi possono aumentare i livelli di inquinamento atmosferico, con effetti negativi sulla salute, incluso un aumento delle malattie respiratorie.

Il cambiamento climatico sta causando anche un innalzamento del livello del mare, affliggendo milioni di persone che vivono sulle coste di tutto il mondo.

L’accordo di Parigi è stato un importante passo in avanti negli sforzi globali per affrontare il cambiamento climatico, ma, anche se tutti i firmatari onorassero gli impegni, non sarebbe sufficiente a limitare il riscaldamento a 2° C. Si prevede che la piena attuazione dei contributi incondizionati a livello nazionale comporterà un aumento della temperatura di circa 3,2 °C entro il 2100.

Effetti sulla salute

I principali meccanismi attraverso i quali il cambiamento climatico nuoce alla salute includono effetti diretti, come quelli derivanti da una maggiore esposizione a temperature ambiente elevate, effetti mediati da sistemi naturali, come le malattie trasmesse da vettori ed effetti mediati da sistemi socioeconomici, come le conseguenze sulla salute di un aumento della povertà.

Gli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute mentale sono sempre più riconosciuti: ad esempio, l’esposizione a inondazioni e ad altri eventi estremi aumenta il rischio di depressione e ansia, che può colpire in modo sproporzionato le persone con problemi di salute mentale preesistenti.

L’aumento delle concentrazioni di anidride carbonica ha effetti negativi sulla qualità nutrizionale delle principali colture di cereali, come riso e grano, compresa la riduzione dei livelli di proteine e di vitamine del gruppo B. Clima e altre condizioni ambientali influenzano anche la resa complessiva di verdure e legumi, che hanno importanti implicazioni per la prevenzione delle malattie.

Effetti sulla salute dei cambiamenti climatici.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che circa 250.000 morti all’anno tra il 2030 e il 2050 potrebbero essere dovute agli aumenti legati al cambiamento climatico per l’esposizione al calore negli anziani, così come all’aumento di diarrea, malaria, dengue, inondazioni costiere e arresto della crescita infantile.

Si tratta di una stima prudente, in quanto non include i decessi derivanti da altri esiti sanitari sensibili al cambiamento climatico e non include la morbilità o gli effetti associati all’interruzione dei servizi sanitari da eventi meteorologici e climatici estremi. Altri 529.000 decessi in tutto il mondo sono previsti per le riduzioni nella disponibilità di cibo (in particolare frutta e verdura) entro il 2050.

Inoltre, la Banca Mondiale stima che senza uno sviluppo resiliente ai cambiamenti climatici (cioè uno sviluppo che promuova la capacità delle società di assorbire gli shock climatici e di sviluppare nuove efficaci strategie di lotta in risposta ai cambiamenti), i cambiamenti climatici potrebbero forzare oltre 100 milioni di persone in estrema povertà entro il 2030. I rischi saranno considerevolmente più elevati senza investimenti nel rafforzamento e nell’espansione delle attuali politiche di adattamento e mitigazione, in particolare per le popolazioni a basso reddito ed emarginate e nei paesi a basso reddito.

Si prevede che l’aumento dell’esposizione al calore ridurrà progressivamente la produttività del lavoro, in particolare nelle regioni tropicali e subtropicali. Uno studio recente ha stimato la quantità di lavoro persa dall’esposizione al calore in tre settori che coinvolgono diversi livelli di attività fisica (servizi, industria e agricoltura), con 153 miliardi di ore di lavoro in meno (o 3,4 miliardi di settimane di lavoro), di cui l’80% nel settore agricolo.

A questa diminuzione della produttività è corrisposto un aumento delle domande d’asilo da 103 paesi di origine verso l’Unione Europea.

Conclusione

Il cambiamento climatico sta causando infortuni, malattie e decessi, con i rischi che si prevede aumenteranno in modo sostanziale con ulteriori cambiamenti climatici, minacciando la salute di molti milioni di persone, se non ci saranno rapidi aumenti negli investimenti in termini di adattamento e mitigazione. L’obiettivo è quello di limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C riducendo la rete globale emissioni di biossido di carbonio di circa il 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030. Ciò ridurrebbe il rischio di superare le soglie critiche dannose per i sistemi naturali e le società umane, fornendo al contempo più tempo per l’adattamento.

I professionisti della salute hanno ruoli guida da svolgere nell’affrontare i cambiamenti climatici. Possono sostenere i sistemi sanitari nello sviluppo di un adattamento efficace per ridurre i rischi per la salute, promuovere comportamenti sani e politiche a basso impatto ambientale, sostenere azioni intersettoriali per ridurre l’impronta ambientale della società in generale e il sistema sanitario in particolare, ed facilitare un’educazione al cambiamento climatico e alla salute.

FONTI | NEJM

IMMAGINI | 1; 2;

Matteo Ferrari
Sono uno studente di Medicina del 6° anno di Bologna.