caso clinico 126

Leggi il Caso Clinico #126

Diagnosi: DERMATOFITOSI DA TINEA

Le dermatofitosi sono infezioni funginee sostenuti da patogeni dermatofiti che si “nutrono” delle zone più ricche di cheratina (come lo strato corneo dell’epidermide) come cute e annessi (generalmente sono risparmiati il palmo delle mani e dei piedi).

Possono essere trasmesse con contatto diretto con altre persone affette, può essere veicolata da animali o da oggetti infetti. Il periodo di incubazione è di 4-10giorni.

Possono contrarre l’infezione entrambi i sessi in qualsiasi fascia d’età; sono, ad ogni modo, più predisposti bambini e soggetti immunodepressi, a contatto con animali domestici e selvatici, esposti ad ambienti caldo-umidi o praticanti sport di contatto. Altri fattori che espongono al rischio sono scarsa igiene, terapie antibiotiche, immunosoppressive o chemioterapiche.

Le manifestazioni cliniche più diffuse sono:

  • tinea corporis (del corpo), che interessa faccia, braccia e gambe;
  • tinea cruris, infezione che inizia sul fondo della piega dell’inguine, estendendosi verso la faccia interna della coscia;
  • tinea capitis, comune nei bambini, che è un’infezione del cuoio capelluto;
  • tinea pedis, detta anche “piede d’atleta”, che è una micosi del piede molto comune soprattutto nei giovani sportivi;
  • tinea versicolor, che interessa specialmente collo e aree superiori del braccio; 
  • tinea barbae, che interessa i peli della barba; 
  • tinea facis (infezione del volto);
  • tinea unguium, che interessa la matrice ungueale (onicomicosi); 
  • tinea manus, localizzata negli spazi interdigitali delle mani.

La diagnosi è generalmente fatta clinicamente: la lesione è tipicamente eritematosa, desquamata con bordi in rilievo più scuri. In caso di dubbi possono essere necessari esami di laboratorio e indagini microscopiche su cute prelevata dalla lesione stessa.

La terapia consiste nella somministrazione di antimicotici per via topica o orale a seconda dell’estensione (l’uso di cortisonici peggiora l’aspetto della lesione).

Marica Romano
Sono studentessa di Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Bari. Amo la scienza in ogni sua sfaccettatura ma la medicina occupa una parte privilegiata nel mio cuore e nella mia mente.