Elisir di lunga vita: ci siamo più vicini?

467
vita

Gli scienziati stanno cercando nuovi metodi per estendere la durata della vita: un nuovo studio sui topi suggerisce una possibile strategia. Ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno dimostrato che la somministrazione in topi anziani di un enzima chiamato eNAMPT, prelevato da topi più giovani, ne estende la durata della vita e ne migliora la qualità.

Solo una persona che avesse voluto trovare la pietra, trovarla, ma non usarla, avrebbe potuto prenderla.” – Albus Silente, Harry Potter e La Pietra Filosofale

Lo studio suggerisce che una proteina che è abbondante nel sangue di topi giovani svolge un ruolo vitale nel mantenere i topi sani. Con l’età, i livelli di questa proteina diminuiscono – nei topi e negli umani– mentre crescono i problemi di salute, come l’insulino-resistenza, l’aumento di peso, il declino cognitivo e la perdita della vista. La somministrazione a topi anziani della proteina ottenuta da animali più giovani sembra rallentare questo declino della salute ed estendere la durata della vita di circa il 16%.

L’enzima

La proteina circolante è un enzima chiamato eNAMPT, noto per catalizzare un passaggio chiave nel processo di produzione di energia nelle cellule. Con l’età, le cellule del corpo diventano sempre meno efficienti nella produzione di “combustibile” – chiamato NAD – che è necessario per mantenere le funzioni vitale e, più in generale, la salute.

È stato infatti dimostrato da precedenti studi che il NAD inevitabilmente diminuisce con l’età – in vermi, moscerini della frutta, topi e persone – e molti ricercatori hanno studiato strategie per mantenere alti i livelli NAD.

I ricercatori della Washington University hanno dimostrato che la somministrazione di eNAMPT in topi più vecchi sembra essere una via per aumentare la produzione di carburante NAD e rallentare l’invecchiamento. I topi più anziani hanno infatti mostrato marcati miglioramenti della salute, tra cui una maggiore attività fisica e un sonno migliore.

L’ipotalamo è un importante centro di controllo per l’invecchiamento in tutto il corpo, ed è diretto in gran parte da eNAMPT, che viene rilasciato nel sangue dal tessuto adiposo. L’ipotalamo governa i processi vitali come la temperatura corporea, la sete, il sonno, i ritmi circadiani e i livelli ormonali. I ricercatori hanno dimostrato che l’ipotalamo produce NAD utilizzando eNAMPT. Hanno anche dimostrato che eNAMPT è trasportato in piccole particelle chiamate vescicole extracellulari. Al diminuire dei livelli di eNAMPT nel sangue, l’ipotalamo perde la sua capacità di funzionare correttamente, diminuendo la durata della vita.

Lo studio

Il Professor Imai ha studiato a lungo l’invecchiamento, usando i topi come controfigure per le persone. A differenza di altri studi incentrati sulla trasfusione di sangue intero da topi giovani a topi anziani, il gruppo di Imai ha aumentato i livelli di un singolo componente nel sangue, eNAMPT, e ha mostrato i suoi effetti di vasta portata, tra cui una migliore produzione di insulina, qualità del sonno, funzione dei fotorecettori nell’occhio, e la funzione cognitiva nelle prestazioni sui test di memoria, così come l’aumento della corsa su una ruota. I loro comportamenti di rotolamento, i modelli di sonno e l’aspetto fisico – pelo più spesso e più lucido, ad esempio – assomigliavano a quelli dei topi giovani.

In particolare, i ricercatori hanno studiato gli effetti della somministrazione di dosi orali di una molecola chiamata NMN, la molecola chimica prodotta dell’enzima eNAMPT. NMN è in fase di sperimentazione in studi clinici sull’uomo.

Il gruppo ha mostrato che i livelli di eNAMPT nel sangue erano altamente correlati al numero di giorni vissuti dai topi. Maggiore concentrazione di eNAMPT significava una vita più lunga, mentre una concentrazione minore correlava con una vita più breve. Ancora non è stato studiato se questa associazione sia presente nelle persone, ma suggerisce che i livelli di eNAMPT dovrebbero essere studiati ulteriormente per verificare se possa essere usato come un potenziale biomarcatore dell’invecchiamento.

I ricercatori hanno anche mostrato un aumento della durata della vita con la somministrazione di eNAMPT a topi normali. Tutti i topi che avevano ricevuto una soluzione fisiologica come controllo erano morti prima del giorno 881, a circa 2,4 anni. Tra i topi che hanno ricevuto eNAMPT, uno era ancora vivo al momento della scrittura dell’articolo, superando 1.029 giorni o circa 2,8 anni.

Lo studio ha anche rilevato differenze di sesso nei livelli di eNAMPT, con i topi femmina che mostrano costantemente livelli più alti dell’enzima.

E nell’uomo?

eNAMPT è anche presente nelle vescicole extracellulari dell’uomo. Studi futuri dovranno indagare se bassi livelli dell’enzima sono associati a malattie nelle persone anziane e se integrare eNAMPT in vescicole extracellulari possa rappresentare una terapia anti-invecchiamento.

Al topo attivo nel video è stato somministrato l’enzima, mentre al topo meno attivo il placebo. I topi hanno la stessa età.

Fonti | Yoshida et al. 2019. Extracellular Vesicle-Contained eNAMPT Delays Aging and Extends Lifespan in Mice. Cell Metabolism

Matteo Ferrari
Sono uno studente di Medicina del 6° anno di Bologna.