Un tassello in più nella patogenesi della cardiomiopatia ipertrofica primitiva

Un recente studio preclinico pubblicato su "Science traslational medicine" ha proposto un modello molecolare che spieghi l'interazione tra le più importanti e diffuse proteine...

Un braccialetto contro le patologie cardiopolmonari

Il braccialetto hi-tech in questione prende il nome di “holter del respiro”. Ideato e progettato da un team di pneumologi italiani, tra cui figurano...

Cosa fare in caso di arresto cardicao: Basic Life Support and...

L'arresto cardiaco ha un'incidenza annuale pari a un caso ogni 1. 000 abitanti e una mortalità elevata (il tasso di sopravvivenza, in assenza di...

Fra i primi ad eseguire il trapianto di cuore, il prof....

In occasione del Convegno studentesco MoReMED tenutosi nell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia il 10 e 11 Aprile 2018, ho avuto l'occasione...

Anemia e diabete gestazionale aumentano il rischio cardiovascolare

Il diabete gestazionale rappresenta per la mamma un rischio di sviluppare malattie cardiovascolari: la conferma da uno studio canadese pubblicato su Acta diabetologica. Una...

Cardiomiopatia di Takotsubo: la sindrome del cuore spezzato

Può la morte del proprio cane causare problemi di cuore? La risposta è sì, e non in senso figurato. La sindrome del cuore spezzato...

Dietro le quinte dell’infarto cardiaco

Dietro ad ogni infarto miocardico c'è un grande lavoro svolto dalla ricerca, dal 118, dai medici e dagli ospedali, che spesso passa inosservato. Grazie...

Le mutazioni rare che proteggono il cuore

Nell'immaginario comune, il termine "mutazione genetica" ha spesso un'accezione negativa, ma queste possono essere anche buone. Per esempio, le mutazioni a carico di ANGPTL3, un gene...

Stroke e attività fisica: quanto per il recupero della vita quotidiana?

La riabilitazione dopo l’evento ischemico acuto mira alla ripresa del maggior grado di indipendenza nello svolgere le attività di vita quotidiana, in questo termini...

Un cuore nuovo…dagli spinaci!

L’ultima frontiera della bioingegneria parla chiaro: nel giro di pochi anni sarà possibile sostituire il miocardio difettato, a causa di patologie ischemiche e non,...

Send this to friend