Un “pacemaker” cerebrale per il recupero della memoria

Tra le abilità di un bravo scacchista spicca la capacità di essere avanti di varie mosse rispetto all’avversario, vale a dire l’abilità di saper...

Ipermemoria: 8 soggetti al centro del primo studio mondiale

Non dimenticano nulla. Sono in grado di ricordare dettagli che per qualsiasi altro individuo risultano banali o insignificanti. Hanno in media 35 anni. Sono...

Nuove speranze per il trattamento della demenza da malattia dei piccoli...

La ricerca, pubblicata su Science Translational Medicine e condotta presso il Medical Research Council Center for Regenerative Medicine e l'UK Dementia Research Institute dell'Università...

Tetraplegico ritorna a muoversi: la storia di Ian.

Un ragazzo di 24 anni, tetraplegico dal 2010, riesce a compiere piccoli gesti quotidiani come versare acqua in un bicchiere, grazie ad un chip...

GENUS: luce e suoni per combattere l’Alzheimer

Si chiama GENUS (Gamma Entrainment Using Sensory stimuli) il potenziale trattamento di alcune patologie neurodegenerative messo a punto da un gruppo di ricercatori del...

Ecolocalizzazione: un superpotere nascosto

Uno studio, pubblicato sul Journal of Neuroscience e condotto da un team della Ludwing Maximilian University di Monaco, potrebbe aver dimostrato come l'ecolocalizzazione possa...

The Human Connectome Project: una mappa del cervello

Giungere alla conoscenza dell’architettura encefalica è da anni al centro degli sforzi di numerosi neuroscienziati. Riuscire a trovare il modo di visualizzarla non è...

Il morbo di Alzheimer: in cosa consiste e come evitarlo

Disturbi dell’umore e del comportamento, deficit della memoria a breve termine, afasia (ossia difficoltà nel comprendere o nel produrre il linguaggio), perdita delle abilità...

Appendicectomia e morbo di Parkinson: c’è una correlazione?

Da uno dei più grandi studi sul tema, che verrà presentato nei prossimi giorni alla "Digestive Disease Week" (DDW) arriva una scoperta destinata ad...

Malattia di Alzheimer: la necroptosi come causa della perdita neuronale

“Si può non essere d’accordo su quale molecola inneschi la malattia di Alzheimer, ma siamo tutti d’accordo che il risultato finale è la morte...

Send this to friend