venerdì, agosto 17, 2018

Cos’è la Digital Health

La digital health, ovvero la salute digitale, è la convergenza delle rivoluzioni digitali e genomiche con la salute, l’assistenza sanitaria, l’economia e la scienze sociali. Significa usare strumenti digitali per aggiornare la pratica della medicina ad una che sia ad alta definizione e di gran lunga più individualizzata.

Gli elementi essenziali della salute digitale includono dispositivi wireless, sensori hardware, tecnologie software per il rilevamento di parametri vitali (software sensing technologies), microprocessori e circuiti integrati, Internet, social networking, mobile body area networks (reti che interconnettono dispositivi indossabili), health IT (information technology), genomica e informazioni genetiche personali nonché le tecnologie in estrema crescita quali AI, nanotecnologie, Realtà Aumentata e Virtuale, Biostampa e tante altre.

Il lessico alla base della salute digitale è ampio e include gli elementi digitali e/o relativi alla salute della mHealth (mobile health), wireless health, health 2.0, eHealth, health IT, Big Data, health data, cloud computing, ePatients, quantified self and self tracking, wearable computing, gamification, telehealth e telemedicine, precision medicine and personalized medicine e connected health.

Perché la digital health è importante? Si tratta di un cambiamo di paradigma, una vera a propria trasformazione culturale di come le tecnologie dirompenti che forniscono dati digitali e oggettivi, accessibili sia ai caregiver che ai pazienti, porteranno ad un pari livello di relazione medico-paziente con processi decisionali condivisi e la democratizzazione del sistema di cura.

 

Chi siamo

Valentino Megale, PhD in Neurofarmacologia e startupper in digital health. Nicola Marino, laureato in Professioni sanitarie, laureando in Medicina e Chirurgia e amministratore di un’azienda di dispositivi medicali sul mercato internazionale. Vincenzo Marra, studente in Medicina e Chirurgia

Abbiamo deciso di avviare questo progetto perché siamo convinti che nel bel mezzo di una rivoluzione sanitaria, culturale e sociale occorra essere protagonisti attivi, e non semplici spettatori e fruitori passivi, capaci di cavalcare con competenza e grazie ai migliori strumenti critici l’onda del progresso. La digital health è un’area scientifica, e in generale culturale, in costante divenire, ancora priva di una salda linea di sviluppo condivisa a livello internazionale.

Esistono esempi virtuosi in Italia e nel mondo ma anche illusioni ed esagerazioni (l’anglosassone hype), perciò desideriamo guidarvi all’interno di questo campo così complesso utilizzando un approccio scientificamente rigoroso e che si basi su fonti attendibili, in piena ottica evidence-based.

Obiettivi

Grazie a DigitalUHealth desideriamo fornire strumenti conoscitivi per aiutare i lettori ad applicare la digital health nel loro ambito, favorire il confronto, avvicinare i top player ai lettori e viceversa attraverso lo scambio di domande.

Come è ovvio per la sua definizione, l’ampia portata della salute digitale si basa su competenze diverse e molto varie. Scienziati informatici, operatori sanitari, ingegneri, scienziati comportamentali, studiosi di etica, ricercatori clinici ed epidemiologi, chirurghi, data scientist e biotecnologi rappresentano solo alcuni dei background culturali per portare avanti il ​​settore. Ma per accelerare veramente lo sviluppo delle soluzioni di salute digitale è necessaria l’interazione collaborativa e riflessiva tra individui provenienti da tutte le specializzazioni coinvolte. Questo è l’obiettivo primario di DigitalUHealth: servire da risorsa trasversale per tutti coloro che sono interessati a questo settore, promuovendo collaborazioni e accelerando il suo avanzamento.

Gli articoli

Il medico del futuro è un imprenditore della salute | EIT...

A cura di Adriano Fontanari Cosa è EIT Health L'Istituto europeo per l'innovazione e la tecnologia (European Institute of Innovation and Technology) è un'agenzia dell'Unione europea...

Le biotecnologie sono oggi più vicine all’imprenditoria delle startup

Intervista a cura del Dott. Valentino Megale Le biotecnologie non sono più materia solo del mondo accademico ma si stanno evolvendo in servizi e prodotti...

L’UNICEF lotta contro l’HIV con l’aiuto di droni

  Una lingua di terra dell’Africa Orientale popolata da circa 12 milioni di abitanti, distribuita sua una superficie di 118.000 km2 ed una “ricchezza” che...

La truffa della startup che prometteva 200 analisi del sangue con...

Eugenio Santoro dirige il Laboratorio di Informatica Medica presso l’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”. I suoi interessi di ricerca riguardano il ruolo che...

Le Malattie Croniche costituiscono il 70-80% della spesa sanitaria e sono...

Gli scenari epidemiologici, evidenziano un progressivo aumento di diagnosi di malattie croniche nei Paesi Avanzati. L’aumento della speranza di vita e il generale invecchiamento...

Disturbi mentali: dai farmaci all’intelligenza artificiale

  Paolo Benanti, francescano del Terzo Ordine Regolare – TOR, è nato il 20 luglio del 1973 e si occupa di etica, bioetica ed etica...